Our History

/
History

La storia dal 1931 ad oggi

La storia del Panificio Signorile ha inizio nell’800 grazie ad un onesto e laborioso ferroviere di nome Nicola Antonio Signorile. Come ogni genitore che si rispetti anche lui aveva come pensiero quello di lasciare un’eredità ai suoi 3 figli Nicola per tutti Zio Nicola, Michele e Francesco. Decide quindi di mettere da parte ogni centesimo che poteva e di lasciare una buona somma con la quale i tre eredi decidono di acquistare un lotto in un quartiere storico di Bari, il Madonnella. Zio Nicola acquisisce così dalla famiglia De Bellis un negozio in corso Sonnino che il 5 dicembre del 1930 augurerà come il Panificio Signorile.

Gianfranco Signorile

administrator & founder

Periodo della guerra
Durante la Seconda Guerra Mondiale il panificio venne preso di mira anche dalle truppe tedesche che lo utilizzarono per garantire una quota dei prodotti alle truppe al fronte, e dopo la liberazione anche dagli Inglesi che lo utilizzarono per rifornire l’ aereonautica militare. Negli anni ‘30 era comune indossare abiti neri e per tutti i signorotti la camicia nera era d’obbligo, una forma di rispetto verso le cariche politiche presenti in quel periodo, per tutti ma non per Zio Nicola che aveva sempre uno sguardo verso il futuro. Infatti non cedette mai alle pressioni tedesche, decidendo di utilizzare un look all’inglese e per questo venne preso di mira dalla podestà barese
Panificio-Signorile-1931-History
dal 1930 al 1970
Negli anni che vanno dal 1930 sino al 1970 il Panificio rimarrà sempre in mano alla famiglia Signorile, in particolar modo a Francesco dopo il Matrimonio con Teresa Papa (figlia della famiglia Arciulli possessori anch’essi di un panifico). Sarà proprio lei l’ultima a chiudere momentaneamente il capitolo del Panificio Signorile prima di essere dato in gestione a terzi.
Panificio-Signorile-1931-History
dal 1970 & Saicaf ®
Il rapporto tra i 3 fratelli è quello di una famiglia che non si scoraggia avanti ai problemi anzi si aiuta e gli affronta insieme. Un esempio è quando Zio Nicola, non avendo eredi, adotta Nicola Signorile, figlio di Francesco e Teresa avuto dopo il matrimonio, che diventerà quindi Nicola Signorile – Signorile. Quest’ultimo dopo la sua laurea entrerà a far parte di un’azienda di Caffè barese, dove successivamente, negli anni ’70, entrerà anche Francesco prendendo il timone di uno dei bar più storici e rinomati presenti nel centro di Bari.
2022 un nuovo inizio
L’eredità del panifico quindi passa nelle mani di Nicola Signorile – Signorile che dal suo matrimonio con la signora Anna ha tre figli Gianfranco, Chiara e Marta. Sarà proprio Gianfranco che, dopo un periodo passato nell’azienda di caffè della quale il padre Nicola era amministratore delegato, deciderà coraggiosamente di ripercorre le origini e la storia della città di Bari, del quartiere Madonnella e di conseguenza del Panifico Signorile. Ed è così che nel 2022, a 91 anni dall’anniversario, hanno inizio i lavori per restaurare uno dei simboli di Bari che vedrà la sua apertura nei primi mesi del 2022.